sabato 7 novembre 2009

Formazione Creativa parte 2: i corsi

Eccomi qua per la seconda puntata dedicata al weekend di Formazione Creativa in collaborazione con Variations Creatives (il gruppo delle insegnanti, Karine, Sandra e Isa). Non mi sembra neanche vero che sia già passata una settimana!!!
Questo post lo dedico ai 3 corsi, ma anche alle giornate e ne seguirà uno conclusivo dedicato alle serate, ai regalini e tutto il resto che ha fatto da cornice a queste 3 meravigliose giornate.
Però prima di tutto una breve introduzione va dedicata al mio arrivo a Formazione venerdì 30.
Sono partita da casa la mattina alle 7.20 circa (l'appuntamento era alle 9.00 ma dovevo arrivare comunque prima, per parlare con Patty e Danda prima di cominciare e avere il tempo di organizzarmi prima di cominciare il primo corso.
Sono arrivata nel parcheggio alle 8.30 circa (niente traffico a parte il viadotto Indiano) e appena entrata nell'aula dove si sarebbero tenute le classi di Sandra e c'erano i 2 Shops (Carta e ricordi e Florileges Design) ho trovato tante facce amiche e una bellissima accoglienza. Danda mi ha dato il cestino con il "kit di sopravvivenza" che conteneva il grembiule, la spilla con il nome e la spilla con il logo di Formazione Creativa (che purtroppo si è staccata...), dei blocchi notes scrapposi, post-it, e poi caramelle, cioccolatini, merendino, crackers, acqua e succo di frutta, insomma veramente fantastico.
Tra le prime cose dette, mi è stato spiegato che per il mio primo corso da traduttrice, quello di Karine, c'èra un piccolo contrattempo: la sua valigia era rimasta in Francia (W gli aeroporti), forse sarebbe arrivata entro le 11,00/12.00 e che quindi l'inizio cors0 sarebbe stato un po' diverso da come si sarebbe dovuto articolare poichè le sue dispense e anche il progetto originale erano in valigia.
Così poco dopo ho conosciuto Karine, una ragazza molto dolce.La sua fortuna è stata di aver portato i timbri utili per il corso nel bagaglio a mano e quindi abbiamo comunque potuto iniziare a lavorare.
Io avevo con me una copia della dispensa in francese e anche questo è stato utile.
L'album che ci ha proposto Karine è quello dai colori più vivaci rispetto agli altri 2, infatti di certo selezionerò delle foto a colori per completarlo (a proposito sono a buon punto!!! - almeno con questo.....)
la primissima parte del corso (che è iniziato verso le 9.30) è stato l'appello, la distribuzione delle dispense e dei kit.
Eravamo 4 tavoli: 3 da 3 e uno da 4 scrapperine. Nella mia classe c'era qualche persona già conosciuta: Fiorella e Antonia, qualcuna che conoscevo in lista come Marinella (che si è fatta un viaggio lunghissimo da Matera per partecipare a Formazione). Le altre erano nuove e sono : un'altra Fiorella e un'altra Marinella, Giuliana, Barbara, Sandra, Elisa (che ho scoperto che viene da S. Vincenzo),Tiziana, Katia, Rachele.
Abbiamo cominciato tagliando i bazzil a misura e anch'io tra una traduzione e l'altra sono riuscita a tagliare i miei.
Poi Karine aveva suddiviso i timbri nei cestini di plastica per "Atelier", ovvero ogni atelier era una pagina e quindi un gruppo di lavoro, perciò mentre la parte iniziale l'abbiamo fatta tutte insieme il seguito lo abbiamo fatto suddiviso per tavoli.
Per ogni tavolo che iniziava un Atelier, lei spiegava una/2 frasi alla volta e io traducevo. Terminato di spiegare un atelier completo, quindi timbri da utilizzare, i colori degli inchiostri da usare per ciascun timbro, le tecniche appropriate per ciascuna timbrata, lasciavamo il tavolo al lavoro e passavamo al tavolo successivo. In questa prima parte io sono rimasta un po' indietro, ,infatti mentre ho iniziato a spiegare le altre hanno fatto le "false cuciture" ma, nonostante che mi alzassi spesso dal tavolo sono riuscita comunque a fare tutte le timbrate per completare le pagine dell'album.
Nota: ho interrotto qui bruscamente il post per cause di forza maggiore e lo riprendo solo adesso (da sabato mattina a lunedì mattina......)
Non tutte siamo andate a pranzare e mentre le classi nostre e di Is@ sono rimaste aperte, quella di Sandra che aveva i 2 shops è stata chiusa, con il risultato che chi faceva il corso più complicato non ha potuto proseguire :-(
Mi dispiace solo di non aver fatto una foto di classe :-(((
Dopo pranzo siamo andate avanti con gli atelier, e siamo arrivate ad esaurimento verso le 19.00/19.30 (credo). In questa prima fase nessuno ha completato l'album però nel dopo cena qualche volenteroso ha comunque lavorato e Fiorella ha completato l'album. Il dopo cena va nel post n° 3 (nel caso riesca ad arrivarci....)
Sabato mattina il corso di Sandra. Avevo la classe più numerosa di tutto il corso: eravamo in 18!!!!
Alle 9,00 eravamo già in classe e fatto l'appello, distribuito i kit siamo partite subito con gli atelier. Questo grazie a dei folletti laboriosi (Patty, Danda e altre) che la sera prima hanno fatto le 3 di notte per tagliare le carte contenute del kit e farci iniziare subito con il lavoro dei 6 atelier. Infatti il primo giorno sono andati in difficoltà perchè hanno perso più di un'ora per tagliare le carte e quindi hanno ritardato moltissimo l'inizio del lavoro per Atelier.
Anche Sandra è una ragazza molto dolce. era accompagnata dal marito e dalla sua bimba Lena, che nonostante sia stata in mezzo a noi tutto il tempo non si è mai fatta sentire. Il marito di Sandra, invece si occupava dello shop, ovvero dei meravigliosi timbri disegnati da Sandra stessa, che naturalmente sono stati presi d'assalto!!
Sandra è geniale. Il suo minialbum, tutto tridimensionale e racchiuso dentro una scatola di legno decorata va al di fuori di ogni immaginazione. Una volta completato è una piccola meraviglia e i passi per portarlo a termine sono davvero tanti.
In questa classe le mie conoscenze erano un po' di più: Giulia, Barbara (timbrina), Bianca, Laura, Katia (conosciuta il giorno prima), Fiorella, Federica (timbrina), Marinella (anche lei conosciuta il giorno prima), Annamaria, e Barbara (Yaya), e altre nuove conoscenze: le sorelle Marianna e Olimpia, Simona, Rita, Giuliana, Grazia e Caterina.
Eravamo suddivise in 6 tavoli e quindi ci siamo suddivise i 6 atelier. Per ogni tavolo spiegavamo l'atelier da fare e le caratteristiche principali di quello successivo, in maniera che quando si cambiava atelier c'era già una base per iniziare a lavorare prima delle spiegazioni.
Gli atelier sono stati distribuiti in sequenza e in ordine rotatorio di tavolo, in maniera che il lavoro avesse un senso ordinato.
Anche qui sono rimasta indietro nelle varie fasi della lavorazione e infatti ho inziato a dedicarmi solo alle timbrate per mettere in un angolo le piegature delle carte (che farò appena inizierò a lavorare su questa meraviglia!!)
Alla pausa pranzo siamo state "buttate fuori" dalla classe causa shops, e ho pranzato in hotel con le altre. Verso le 2/2.15 siamo rientrate in classe e abbiamo proseguito con il lavoro.
Il mio tavolo ha riservato delle belle sorprese: la mattina dopo forse un'ora di lavoro ho scoperto che le sorelle Olimpia e Marianna sono di Livorno!!!! Nel pomeriggio si è aggiunto il marito di Giulia, Mauro che ha svolto la funzione di folletto laborioso: infatti ci faceva le timbrate in serie, e questo ha sveltito molto il lavoro del nostro tavolo.
Verso le 19.00/19.30 eravamo arrivate alla fine degli atelier e Sandra ci ha fatto vedere l'assemblaggio dell'album. E' stata una vera sorpresa scoprire che è tutto montato ad incastro e che non ha usato colla!!!!!
Poi ci ha fatto vedere altre 2 scatole realizzate da lei, una grande quanto un LO 30x30, bellissima e una più piccola, e la cosa bella è stata che mentre noi lavoravamo lei ha iniziato a fare delle scatole più piccole con decori natalizi.
La serata va nel prossimo post!!
Infine domenica mattina il corso di Isa. Già da venerdì, correva la voce "Is@ à la casà"....... e la spiegazione è semplice, ma prima presento Is@ e il suo progetto.
Completamente diverso dagli altri 2, ma non per questo meno bello, anzi, i colori soft fanno si che questo album venga decorato con foto in toni seppia per non sciupare la delicatezza dei colori.
Is@ è vivace, simpatica e dinamica e con la sua frase "Is@ à la casà" ci ha fatto morire dal ridere: voleva dire di fare i timbri e lasciare indietro il lavoro che poteva appunto essere fatto a casa. Stavolta la mia classe era la più piccola delle 3 del giorno, infatti eravamo solo 9: Barbara e Federica (timbrine), Fiorella, Giuliana, Simona, Caterina, Rita e Laura.
Ci siamo suddivise in 3 tavoli e abbiamo iniziato con i vari atelier. Is@ ci diceva di volta in volta cosa dovevamo fare in classe e cosa invece fare "à la casà". Ovviamente la parte più importante erano le timbrature e il ritaglio dei vari abbellimento con la cuttlebug e i punch. Anche qui gli atelier giravano a rotazione e quindi via via che ne finivamo uno arrivava il successivo, anche perchè essendo 3 tavoli e 6 atelier ce n'era sempre uno disponibile per andare avanti.
Is@ mi ha aiutato molto a portare avanti anche il mio lavoro, e quando le bimbe al mio tavolo (Giuliana e Simona) andavano oltre mi lasciava i timbri per terminare l'atelier a disposizione.
L'album di Is@ ha la copertina in stoffa ed è rilegato con lo spago. Ha dei colori molto tenui e romantici. La chiusura dell'album è fatta con le calamite, insomma uno spettacolo.
Visto che il pranzo di sabato non mi aveva entusiasmato, ho deciso di saltare quello di domenica: infatti ho mangiato semplicemente biscotti e succo di frutta, ma questo mi è servito per mettermi in pari con il lavoro.
Alle 18.00 la nostra classe aveva finito gli atelier, ma ovviamente nessuno ha montato l'album perchè molte parti devono essere finite di tagliare "à la casà".
Però Is@ ci ha comuque mostrato come finire di assemblare e soprattutto come fare per mettere il magnete (che spero di non dimenticare da qui a quando finirò l'album....)
Insomma tirando le somme è stata un'esperienza unica sotto tutti gli aspetti e i lavori svolti sono davvero meravigliosi.
Karine, Sandra e Is@ sono davvero persone fantastiche che hanno saputo trasmetterci la loro passione per i timbri e per quanto mi riguarda ho imparato davvero molto, tanto da farmi acquistare cose che in altri casi non avrei comprato, ma ne parlerò nel post conclusivo.
Non vedo l'ora di finire i 3 album, questa settimana ho lavorato un po' su quello di Karine e adesso devo selezionare le foto per finire di assemblare e poi rilegarlo con la mia nuova e fiammante Bind it all (e si, finalmente ce l'ho anch'io!!!!). Forse però è meglio che prima la provi....
Le foto saranno forse la parte più difficile da selezionare, gli album sono talmente belli che devono raccogliere momenti speciali, quindi vedremo.
Nel frattempo, ho pubblicato le foto su picasa, se volete sbirciare andate pure qui. Purtroppo alcune sono brutte e mosse, ma si sa che sono una pessima fotografa......
Alla prossima e conclusiva puntata!!
Lucy

3 commenti:

danda ha detto...

e vai Lucy mi fai tornare in mente tutto con i tuoi racconti precisi precisi!!!!!!!!!!!!!!!!
Aspetto la prox puntata
Bacioooooooooooooooooooo

Formazione ha detto...

Lucy...che esperienza, vero??!!!
Mitica davvero!!!
spero tanto che si possa proporre anche per il prossimo anno!!!
Bacio...il tuo racconto è dettagliatissimo!!!

BarbaradaRoma

Anonimo ha detto...

Lucy! Grazie a te per essere stata un'ottima traduttrice e una simpaticissima compagna di banco!
Il marito ringrazia la citazione!!! :D

Alla prossima.
Giulia